Una poesia, Campo de’ fiori, costituisce da sola un capitolo eponimo di Cara Europa che ci guardi (1915-205), “Interno Poesia”, a cura di Andrea Cati. Clicca qui.